Pagine

sabato 20 dicembre 2008

Un mantra sulla maglietta

Ecco un altro mantra da recitare tutte le mattine prima di colazione. Questa volta è su una maglietta che potete regalarvi per Natale:


Viene da Bad Science di Ben Goldacre, l'autore dell'omonima rubrica sul Guardian e del libro in questi giorni sul mio comodino (letture consigliate: ne riparleremo presto).

Se vi piacciono le magliette un po' da geek, siete in buona compagnia. Il solito Leon Lederman (OK, il libro l'ho finito e giuro che è l'ultima volta, ma è una miniera di quel genere di battute sceme che piace tanto al prof. Sentimento Cuorcontento) dice
My ambition is to live to see all physics reduced to a formula so elegant and simple that it will fit easily on the front of a T-shirt.
Al CERN l'hanno preso in parola, e hanno fatto un tentativo con la lagrangiana del Modello Standard (adesso non venite a dirmi che non sapete cos'è). Il risultato è una maglietta per geek allo stadio terminale, per ragioni misteriose disponibile solo nei colori nero e verde militare (il prof. S. C. non l'ha comprata solo perchè, ehm, avevano finito la sua misura, o non gli piaceva il colore, o qualcosa del genere):

(Grazie a Dario per la foto che ero dimenticato di fare prima di ripartire per Torino)
Se avete una fidanzata, parente, amico fraterno geek quanto voi, compratevi le due magliette, indossatele uno vicino all'altro e mandate la foto a badscience.net: pare che si possa vincere un premio.
D'altronde è vero che è un po' più complicata di così, però provate a far stare questo su una maglietta. T. D. Gutierrez, il tizio che si è preso la briga di scriverla, dice che se uno la guarda abbastanza a lungo con la luce giusta sembra un po' un coniglio.

3 commenti:

Anonimo ha detto...

io il coniglio ce l'ho visto. In piedi, con le zampette davanti un po' a scendere, accucciato su quelle dietro (tra l'altro forse si puo' dimostrare che non potrebbe essere altrimenti, almeno nel sistema di riferimento dei conigli medi e in linea di massima con la nostra gravità).
Ecco, credo sia un esempio di commento a un post sul blog di S.C.

pIvan

Stefano Bagnasco ha detto...

Oh, già. Credo che esistano numerosi preparati chimici che, assunti in moderate quantità, facilitano la visione di coniglietti nelle equazioni (e anche in altre situazioni, immagino). Poi se uno è Kary Mullis va e inventa la PCR, altrimenti vede i conigli e basta.

Giuliana ha detto...

no, mi dispiace.. io il coniglio non lo vedo proprio!!!!!

Posta un commento