Pagine

mercoledì 27 ottobre 2010

Il kit dell'investigatore

Nel preparare i bagagli in fretta e furia per rifugiarsi in una località segreta, al prof. Sentimento Cuorcontento è capitato in mano un numero recente del Fortean Times (edizione europea), che aveva comprato tempo fa all'edicola di qualche aeroporto.

Sfogliandolo si trovano le cose più curiose, dalla rubrica sulle pareidolie da tutto il mondo alle pubblicità che vendono semi di cannabis per piantagioni casalinghe (ho come il sospetto che le due cose non siano completamente scorrelate). Ma l'inserzione pubblicitaria a pag. 3 si rivela utilissima per un aspirante investigatore del mystero: si possono acquistare, a prezzo modico, ogni tipo di rivelatore e strumento di misura, eventualmente anche in pratiche valigette contenenti un'attrezzatura completa: se siete veramente dei patiti dell'equipaggiamento suggerisco il kit #12 "professional" che però costa ben 312,99 sterline. Cliccate sulla figura qui accanto per vedere una versione grande a sufficienza per leggere tutto, in alternativa fatevi un giro sul sito di Tom's Gadgets.

Tutti i kit includono un pratico «Introduction to ghost hunting sheet», che però è quasi certamente molto sintetico, e poi lo potete leggere solo dopo aver comprato il kit: si rischia di comprare l'equipaggiamento sbagliato. Come fare a sapere quali sono gli strumenti indispensabili a ogni indagatore del mystero? Facilissimo: leggete la seconda lezione di un libro imperdibile, che sarà in libreria il 3 novembre ma che può già essere comprato online qui, con lo sconto del 10%.
Stefano Bagnasco, Andrea Ferrero e Beatrice Mautino, Sulla scena del mistero: Guida scientifica all’indagine dei fenomeni inspiegabili. Milano: Sironi (2010).
In attesa che il libro esca, vediamo se qualcuno indovina: quale di questi strumenti (tutti acquistabili da TomsGadgets.com) è assolutamente indispensabile a ogni investigatore del mystero?
  • Termometro digitale a infrarossi
  • Contatore geiger
  • Visore notturno
  • Rivelatore di campi elettromagnetici
  • Microfono direzionale ad alta sensibilità
  • Sensore di movimenti a ultrasuoni
Il primo che dà la risposta giusta vince i tre autografi degli autori, in un pratico formato autoadesivo per poterli apporre sul frontespizio della sua copia. Domani (o dopodomani, via) la risposta.

9 commenti:

Pac ha detto...

Ch.mo professore,
imho un visore notturno potrebbe esser utilissimo durante le sedute spiritiche...
In attesa di Vs gradito riscontro,
i miei più cordiali saluti

Comandante Perno ha detto...

L'unica cosa veramente indispensabile ad un investigatore del mistero non c'è in elenco ma la puoi trovare facilmente: una cassa da sei bottiglie di Barbaresco, con quella vedi qualunque cosa, reale o meno che sia .... prova!

juhan ha detto...

Lo strumento assolutamente indispensabile per ogni caccia ai mystery mysteryosy è la credulitità. Uno o ce l'ha di suo o può frequentare Giacobbo, Ruggeri, il mago Othelma e simili. Fino a qualche anno fa a Torino c'era anche GA Rol, adesso solo più i suoi seguaci ma sono un tantino snob.
Siccome io sono pessimista non credo di vincere ma se vengo all'Unito, magari quando fai lezione, me lo autografi il libro? Tieni conto di quanto ho dovuto spendere per acquistarlo! Dai se dici di sì ti racconto tutto dei templari quando ci vediamo.

Stefano Bagnasco ha detto...

Uhm... no, non ci siamo ancora. Direi che per ora la risposta migliore è quella del Comandante. Pac, il visore notturno puo' essere utile, è vero, ma indispensabile?

E juhan, che cosa sarebbe la "credulitità"? Ti pare che facciamo ortografia creativa, qui?

Qualcun altro si cimenta?

S.

Stefano Bagnasco ha detto...

Ah, a proposito: juhan, il prof. S.C. lavora per l'INFN, non per l'Università (e quindi non è prof. perdavvero)

S.

Pac ha detto...

Ch.mo professore,
In quella lista imho di assolutamente indispensabile c'è solo il termometro.
Ma poiché la mia chanche l'ho già avuta,
ahimè affogo la tristezza nel barbaresco
del comandante...
Prosit ;-p)

pivan ha detto...

il rivelatore di campi elettromagnetici.

Possibilmente da accompagnare con tavoletta di legno elettromagnetico atta a realizzare cerchi elettromagnetici nel campo di grano elettromagnetico.

juhan ha detto...

Concordo con Pivan (di cui non si vede il profilo): elettromagnetismo senza limitismo!

Anonimo ha detto...

Secondo me è il microfono direzionale ad alta sensibilità. Utile non per motivi strettamente legati alle indagini, ma perché scoprire i commenti di coloro che vi guardano mentre misurate un crop circle o vi aggirate in una chiesa fotografando reliquie non ha prezzo (per tutto il resto, c'è Mastercard). :D

Posta un commento